eventi

Gestione dei conflitti: le strategie efficaci

Il conflitto, gestito correttamente, è una forma di confronto che arricchisce. La gestione del conflitto supporta il team working e consolida la leadership.

Raccontami di te
mouse icon

Gestione dei conflitti: le strategie efficaci

Come la gestione del conflitto può aiutare il tuo business

La conflittualità è connaturata ad ogni ambiente di lavoro. O meglio, ad ogni situazione sociale in cui si confrontano almeno due teste pensanti. Pertanto, la gestione dei conflitti è un’attività strategica per chiunque desideri creare un ambiente positivo e ottimizzare la produttività aziendale. Tuttavia, non dobbiamo interpretare il conflitto necessariamente come qualcosa di negativo.

Se mantenuto nell’ambito della dello scambio cordiale di opinioni e gestito in modo corretto, il conflitto può diventare un elemento arricchente, capace di apportare varietà e diversità, ampliando le prospettive attraverso il confronto. La capacità di gestire i conflitti in modo proficuo, sensibile e diplomatico può migliorare l’armonia del gruppo di lavoro: intesa in questo modo, la gestione del conflitto diventa funzionale al team working e dunque alla costruzione di una solida leadership.

Attraverso i corsi di formazione e management di Anilonti puoi imparare a gestire le tensioni nell’ambiente di lavoro, migliorare la comunicazione e favorire gli scambi di opinioni, la solidarietà e il sostegno reciproco tra colleghi. Contattami per una consulenza sulle soft skills e scopri come ottimizzare la comunicazione, gestire la conflittualità e in genere sviluppare un buon lavoro di squadra.

Disinnesca le ostilità e trasforma il conflitto in opportunità di crescita

Come sa ogni buon leader, le difficoltà e il cambiamento non devono essere temuti, perché è proprio dove c’è un problema che si nascondono le migliori opportunità. Il conflitto può essere interpretato come un’occasione di confronto, di ampliamento delle prospettive e dunque di crescita. L’importante, naturalmente, è saperlo irreggimentare nell’ambito dello scambio di opinioni cortesi: mai lasciare che il contrasto degeneri in una forma di ostilità, sia essa apertamente aggressiva oppure passivo aggressiva. Le ostilità latenti e non dichiarate possono infatti avvelenare un ambiente di lavoro anche peggio di uno scontro acceso.

Partiamo dal presupposto che i conflitti, manifesti o sotterranei, sono inevitabili. Pertanto è fondamentale imparare a riconoscerli, gestirli e risolverli. I miei corsi di leadership possono fornirti tutti gli strumenti per una gestione razionale avanzata della conflittualità nell’ambiente di lavoro. Con il mio supporto potrai sviluppare strumenti di confronto e di ascolto attivo, imparando ad esprimere le tue esigenze e accogliere quelle degli altri.

In questa sede, possiamo iniziare a darti qualche consiglio generale di gestione dei conflitti e problem solving. Se vuoi saperne di più, consulta anche questo approfondimento dedicato alla gestione del conflitto sul mio blog.

Quando il conflitto diventa occasione di crescita: una win-win situation

È importante imparare a vedere i conflitti con obiettività, come occasioni di crescita individuale e miglioramento delle relazioni esistenti all’interno del gruppo. Come una win-win situation invece che come un contrasto da cui una delle due parti esce vincente e l’altra perdente. Oltre a essere ormai obsoleto, questo modello di gestione dei conflitti e dannoso. Per far sì che il conflitto diventi un momento di crescita, è fondamentale che non ci siano né vinti né vincitori ma che entrambe le parti abbiano la soddisfazione di aver trovato un punto d’incontro e imparato qualcosa dal confronto con l’altro.

Applicare il problem solving alla gestione del conflitto

Ogni conflitto nasce da un problema: pertanto, se vogliamo risolverlo, dobbiamo andare a individuarne e sviscerarne le cause. Comprendere meglio questo processo apparentemente banale, è importante comprendere i diversi passaggi:

  • Individuazione e identificazione del problema, ovvero del gap tra lo stato attuale e quello desiderato. Attraverso il Problem Finding e la gap analysis, possiamo identificare i motivi di scontro tra due o più persone.
  • Brainstorming: come possiamo risolvere il problema? Se possibile coinvolgendo le parti in contrasto, consideriamo le possibili soluzioni accettabili per tutti lasciando in sospeso ogni forma di giudizio.
  • Valutazione costi benefici: dopo la fase i confronto creativo, è il momento di selezionare le idee con maggiori possibilità di successo, facendo valutazioni oggettive anche attraverso criteri di project management.
  • Assegnazione compiti e responsabilità: una volta scelta la soluzione ritenuta migliore, iniziamo a stabilire chi fa cosa tratteggiando una road map strutturata.
  • Azione e verifica: una volta indicati i passi da compiere, dovremo mettere in atto quanto stabilito. Ma non finisce qui: in seguito sarà necessario monitorare le azioni, restando pronti a intervenire in caso di imprevisti che possono richiedere aggiustamenti in corso d’opera.

Gestione dei conflitti per il tuo business con il metodo Anilonti

La gestione dei conflitti è strategica per la buona qualità della vita in ufficio e di conseguenza per la produttività di ogni azienda. La capacità di considerare conflitti e contrasti come momenti di crescita per tutte le parti coinvolte consente davvero di fare grandi passi in avanti anche nel self improvement. Il miglioramento continuo di noi stessi attraverso un lavoro costante sulle nostre capacità e la nostra personalità è infatti una delle sfide più importanti a cui è chiamato ciascuno di noi.

Per diventare buoni problem solver e mantenere un clima sereno e cordiale tra i nostri collaboratori non basta disinnescare le mine, ma occorre anche comprendere la radice di molti conflitti sporadici o ricorrenti. Applicando correttamente la negoziazione, la diplomazia e il problem solving, non solo possiamo migliorare la nostra immagine e dunque la nostra leadership, ma possiamo scoprire tutte le opportunità che nascono dal contrasto e migliorare la gestione del gruppo di lavoro.

Se sei interessato ad approfondire l’argomento e vuoi imparare a gestire proficuamente i conflitti per migliorare il clima in azienda, contattami per un primo incontro: valuteremo insieme quale percorso sia più indicato per la tua azienda.

Segui il mio Podcast!

Hai poco tempo da dedicare alla lettura di un blog o preferisci ascoltare piuttosto che leggere?
blankblankblank